Film, self care e pop corn. La serata hygge perfetta.. Georgia Vagim via unsplash © paola nosari coach per donne in rinascita

Le temperature si abbassano e diventa piacevole stare in casa, specialmente la sera, magari sul divano, accoccolati sotto a una copertina e con una tazza di tè bollente tra le mani. E’ così hygge dedicarsi questa coccola… Film, self care e pop corn.

 

E’ una cosa che piace molto fare anche a me, e cerco di unire l’utile al dilettevole dedicando quel tempo di riposo e relax alla visione di film o serie che possano ispirarmi e da cui possa imparare qualcosa di utile e bello.

 

Ho pensato di condividere con te alcuni dei miei titoli preferiti. Quindi se stai pensando di organizzare una “perfect hygge movie night”, io ti consiglio di invitare almeno due tra le tue amiche più care e prepararti: una lunga doccia calda, la migliore delle tue creme idratanti, la maschera per i capelli. Infilati qualcosa di morbido e caldo e prepara i pop corn (o, a seconda delle tue preferenze, vino rosso, cioccolata, gelato o tè caldo)

 

Ho scelto per te tre film molto diversi tra loro che spero possano offrirti occasioni di riflessioni e confronto:

 

  • Mona Lisa Smile (Film del 2003)

    È un gran classico. Ci mostra uno spaccato dell’America degli anni 50, maccartista, perbenista e ipocrita, dove però sta per accendersi la fiamma del femminismo. E’ una sorta di “Attimo fuggente” al femminile e il motivo per cui ve lo consiglio (oltre alle splendide ambientazioni, e ai costumi) è il personaggio principale: Katherine Watson, interpretata da Julia Roberts, è un’insegnante di storia dell’arte e soprattutto è una donna che non ha timore di seguire fino in fondo ciò in cui crede e riuscirà per questo ad accendere nelle sue allieve la fiamma del cambiamento e dell’aspirazione alla felicità.

Chiediti quali sono le cose in cui credi profondamente. Che valore hanno per te, bellezza e felicità? La protagonista non smette mai di crederci, e in qualche modo (che non spoilero) la salvano. Prova ad individuare qual’è la cosa a cui puoi fare appello quando hai bisogno di salvarti da un momento o una situazione che ti sta mettendo alla prova.

 

  • Ribelle – The brave (Film del 2012)

    “Si dice che il nostro destino sia legato alla terra, di cui siamo parte, così come lei è parte di noi. Si dice anche che il destino sia cucito come un tessuto e che la vita di ognuno di noi sia intrecciata a quella di molti altri. Tutti cercano il proprio destino o tentano di cambiarlo. Alcuni non hanno fortuna, mentre altri vengono aiutati a trovarlo” Questa, nelle parole della protagonista, l’idea che sta alla base di questo bellissimo film della Pixar del 2012. Parla, senza troppi fronzoli e senza nascondersi dietro facili metafore, di un tipo di conflitto che è alla genesi della nostra stessa esistenza: voler scegliere la propria vita ma allo stesso tempo continuare a rispettare la propria famiglia.

Se ti senti in questa situazione, lacerata tra il tuo desiderio di realizzazione e l’amore per le persone con cui condividi la tua vita, questo film ti coinvolgerà. La protagonista ad un certo punto fa una cosa risolutiva. Chiediti in quale modo puoi parlare dei tuoi sogni con gli altri, in modo che diventino i tuoi primi sostenitori. Perchè misuri la grandezza dei tuoi sogni anche dalle azioni che intraprendi per realizzarli.

 

  • Mustang (Film del 2015)

    Questo è uno dei più bei film visti negli ultimi anni. Racconta di donne in evoluzione, in divenire, alla ricerca della loro sacrosanta libertà. Qui si parla di 5 sorelle, anche la regista è una donna e forse è proprio il suo sguardo a rendere speciale questa storia semplice, quotidiana e durissima. E bella, di quella bellezza speciale che c’è quando si parla di amore. Una parabola dura e splendida, Il racconto di un amore grande, capace di legare radicalmente e profondamente le cinque protagoniste.

Chiediti chi sono le tue alleate. Chi, tra le donne che frequenti può aiutarti, ispirarti e sostenerti.  E’ importante riconoscere (o crearsi) la propria tribù. Uno spazio a cui tornare per ricaricarsi, trovare confronto costruttivo, offrire e ricevere aiuto e sostegno. Tu per chi lo fai? E da chi lo ricevi?

 

Source

Related Post

2 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *